Ultima modifica:
25-04-2018

Eucalipto monocoltura e terre comuni, Portogallo

La più grande piantagione di monocoltura di eucalipto in Europa: oltre 800.000 ettari che coprono un quarto dell'area forestale del Portogallo e il 9% del territorio del continente



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Il Portogallo è il paese con la più grande area piantata nell'eucalipto in Europa e si colloca al 5 ° in tutto il mondo. Questo è il risultato di una strategia attiva per promuovere piantagioni di eucalipto, implementata attraverso una combinazione di politiche forestali e strumenti di mercato. Ha dato origine alla più grande piantagione di monocoltura di eucalipto in Europa: oltre 800.000 ettari che coprono un quarto dell'area forestale del Portogallo e il 9% del territorio del continente.

questo processo iniziò durante il regime fascista del 1933-1974. A quel tempo, 7.638 pacchi di terra comunali (Baldios) che insieme ammontavano a 408.000 ettari e garantivano i tradizionali diritti di sussistenza dei cittadini (come il pascolo e la raccolta di legna da ardere e carburante) erano gestiti dai servizi forestali statali. Questo dipartimento governativo ha portato avanti con l'attuazione delle politiche di restazione dello stato.

Dopo la rivoluzione del 1974, in molti casi, i comuni e lo stato hanno gestito congiuntamente terreni comuni. Anche così, l'assemblea dei comuni e i consigli municipali non avevano voce in capitolo nei regolamenti che sarebbero presto stati adottati sulla piantagione di alberi. Questa situazione si è verificata perché la maggior parte delle comunità non aveva le capacità tecniche necessarie per gestire le terre boscose e le loro strutture comuni e accordi sociali erano state gravemente indebolite durante gli anni della dittatura.

Negli anni '80, tre processi chiave si sono verificati contemporaneamente. In primo luogo, il servizio forestale ha subito una serie di riforme, che hanno gravemente ostacolato la sua capacità di gestire le terre forestali. In secondo luogo, alcune delle società di polpa e carta private sono state nazionalizzate e consolidate come un gruppo chiamato Porcel (attualmente il gruppo Soporcel di Portucel). In terzo luogo, a peggiorare la situazione, molti cittadini comuni hanno delegato la gestione locale alle parrocchie, assumendo così il loro controllo diretto della terra. L'industria della polpa e della carta e i loro fornitori di eucalipti erano quelli che beneficiano di più da questa situazione, a scapito dell'interesse pubblico.

Questo era il periodo in cui era il periodo in cui era il periodo in cui Le monocolture di eucalipto si sono ampliate di più. Già nel 1990, il 35% dell'area piantata in Eucalipto era di proprietà di Pulp and Paper Corporations e del 65% da proprietari privati ​​e comuni che avevano firmato contratti di noleggio a lungo termine.

0 Nel 1989, centinaia di agricoltori si sono incontrati ad Armada (Ponte de Lima) per protestare contro la decisione della parrocchia di affittare le loro terre comuni al portuleo per un periodo di 29 anni. Nello stesso anno, a Valpaços, l'olio d'oliva che produceva la regione di Trás-os-Montes nel nord del Portogallo, gli agricoltori si ribellarono contro le piantagioni di Eucalipto (200 ettari), che stavano sostituendo gli ulivi. Oltre 2.000 persone - principalmente la popolazione locale di quattro parrocchie insieme ad alcuni ecologi - si sono impegnate in azioni dirette e sono riuscite a estrarre 3.000 piantine di eucalipto. La polizia ha reagito fortemente, attaccando i manifestanti, il che ha provocato lesioni e l'arresto di un agricoltore.

più tardi, nel 1995, il "Federação Nacional Dos Baldios" ( Federazione nazionale delle terre comuni) è stata creata per sostenere il movimento dei cittadini. Quindi, nel gennaio 2012, la "Plataforma Pela Floresta" (piattaforma per la foresta) è stata creata con lo scopo di combattere per ottenere la legge che ha stabilito criteri speciali per la piantagione di eucalipto revocato. Questa piattaforma è composta da gruppi ambientalisti, attivisti, intellettuali e scienziati di tutto il paese.

Nel settembre 2014, il governo portoghese ha annunciato una modifica alla legge NO . 68/93, che regola la gestione di terre non coltivate di proprietà comunitaria. Lo scopo di questa alterazione (legge n. 72/2014) era di facilitare l'ingresso di agenti esterni e promuovere un'economia in affitto sulle terre comuni. Penalizza le comunità locali per la mancanza di gestione delle terre spingendo le terre comuni e integrandole nella proprietà di parrocchie e comuni. Nuovo regime legale (legge n. 96/2013) che consente piantagioni illimitate di qualsiasi tipo di specie di alberi in trame di meno di due ettari, che rappresenta più dell'80% dell'area forestale nel paese. Questa proposta ha dato origine alle proteste in cui circa 5.000 persone - principalmente agricoltori - si sono radunate di fronte al Parlamento di Lisbona per difendere il diritto dei cittadini dei cittadini di rimanere i legittimi proprietari dei Baldios.

Il 17 giugno 2017, l'incendio forestale che si è concluso con il maggior numero di vittime (64 morti e 254 feriti) e ha causato il maggior numero di danni (più di 500 case, 40 aziende e 350 posti di lavoro) nella storia del Portogallo infuriavano attraverso il suo nazione. Le perdite economiche da questo incendio sono stimate in 250 milioni di euro. È iniziato nella parrocchia di Pedrógão Grande (distretto di Leiria) e si è diffuso nelle parrocchie vicine di Castanheira de Pêra, Figueiró dos Vinhos, Ansião e Alvaiázere (distretto di Leiria); di Sertã (distretto di Castelo Branco); di Pampilhosa da Serra e di Góis (distretto di Coimbra). Il 15 ottobre 2017, gli incendi sono scoppiati di nuovo nel centro e nel nord del paese: 523 incidenti sono stati segnalati lo stesso giorno. Gli incendi si sono diffusi rapidamente, distruggendo numerose case ed edifici industriali, tagliando l'accesso a diverse strade e causando 45 morti.

a marzo 2017, dopo aver ricevuto oltre 600 contributi da Cittadini e organizzazioni, il Consiglio dei ministri ha approvato le riforme al codice forestale. La riforma propone un nuovo regime di restazione, l'attribuzione di nuovi poteri e una maggiore capacità di intervenire ai comuni e la creazione di una banca terrestre.

a novembre 2017, Il governo del Portogallo ha approvato un nuovo regime che proibisce agli alberi di eucalipto di essere piantati in aree bruciate precedentemente occupate dalle specie autoctone al fine di creare un maggiore equilibrio tra diverse specie forestali e preservare la biodiversità.

Informazioni di base
Nome del conflittoEucalipto monocoltura e terre comuni, Portogallo
NazionePortogallo
Accuratezza della localizzazioneMedia (livello regionale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloBiomassa e conflitti legati alla terra (gestione delle foreste, dell'agricoltura, della pesca e degli allevamenti)
Tipo di confitto. Secondo livelloPiantagioni
Deforestazione
RisorseEucalipto
Terra
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

Contesto generale: il Portogallo ha la più grande area eucaliptus ininterrotta e monospecifica in Europa (+800.000 ha, ¼ dell'area forestale portoghese e il 9% del territorio continentale).

Vedi altro
Livello degli investimenti:170.000.000
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:Sconosciuto
Data di inizio del conflitto:11/01/1989
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Portucel Soporcel Group from Portugal - one of the largest beneficiaries of state business grants and incentives due to its strategic interest for both Portugal's exportation and local eucalyptus economies.
Attori governativi rilevanti:Direção Geral da Floresta (DGF) Servizi forestali
Istituzioni internazionali o finanziarieInternational Bank For Reconstruction And Development (IBRD) - invest money in afforestation.
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:Plataforma Pela Floresta (Piattaforma per la foresta) Federação Nacional Dos Baldios (National Federation of Common Lands) Quercus (National Association for Nature Conservation) Campo Aberto
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoIn reazione all'implementazione del progetto
Gruppi mobilitati:Contadini
Organizzazioni sociali locali
Abitanti (cittadini/comunità rurali)
Movimenti sociali
Forme di mobilitazione:Lavoro di rete/azioni collettive
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Occupazione di terre
Azioni legali/giudiziarie
Proteste di strade/manfestazioni
Danni a proprietà/incendi dolosi
Occupazioni di spazi pubblici e edifici
Appelli/ricorsi per una valutazione economica dello status dell'ambiente
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Desertificazione, Incendi, Degradazione paesaggistica, Erosione, Deforestazione/perdita di aree verdi/vegetazione, Riduzione della resilienza ecologica/idrogeologica, Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque
Potenziale: Riscaldamento globale, Contaminazione delle falde acquifere/riduzione dei bacini idrici, Insicurezza alimentare/danni alle produzioni agricole, Impatti sul sistema idrogeologico
Impatti sulla salutePotenziale: Altre malattie legate alla contaminazione ambientale
Impatti socio-economiciVisibile: Aumento della violenza e della criminalità, Perdità dei mezzi di sussistenza, Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture, Deterioramento del paesaggio/perdita del senso del luogo
Potenziale: Espropri di terra
Risultati
Status attuale del progettoOperativo
Risultato del conflitto/risposta:Cambiamenti istituzionali
Delimitazione territoriale
Rafforzamento della partecipazione
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:Incerto
Spiegare brevemente il motivoSebbene l'intensificazione della monocoltura di eucalipto stia avanzando nel corso degli anni, è possibile osservare una lotta costante per la conservazione delle foreste e il diritto di accedere alle terre dei Comuni non solo dagli agricoltori, ma anche da una società civile, gruppi ambientali e altri movimenti sociali.
Fonti e materiali
Leggi e normative correlate - fonti legislative e testi giuridici

Decree Law no. 68/93

Decree Law no. 96/2013

Decree Law no. 72/2014

Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

Baptista, Gualter, B. (2010). Bridging environmental conflicts with social metabolism. Forestry expansion and socioeconomic change. PhD Thesis. Faculdade de Ciências e Tecnologia. Universidade Nova de Lisboa. Lisboa.
[click to view]

Serra, R., Alavez-Vargas, M., Skulska, I., and Garcia Barrios, R. (2013). Academic-community collaborations: what kind of hybrid institutions for knowledge production and decisions on collective management?. 4th EMES Conference on Social Enterprise Research. Centre for Social Studies of the University of Coimbra; National Autonomous University of Mexico. Coimbra.

COELHO, Ricardo S. Arborisae as vossas terras: um estudo sobre o valor das florestas portuguesas. Faculdade de Economia do Porto: Economia do Meio Ambiente, Portugal,
[click to view]

Tavares, Alexandre ; Monteiro, Mário; Alavez-Vargas, Mayrén; Pato, R.L; Serra, Rita (2014), "Land use change and forest routing in a rural context: The relevance of the community-based management and planning framework. ", Applied Geography, 52, 153–171.
[click to view]

NETO, Margarida S. Propriedade, usos comunitários e sustentabilidade das comunidades camponesas Olhares historiográficos. Cescontextos, n. 1, Mar. 2013, p. 134-143. Atas do I Encontro Internacional de História Ambiental Lusófona. CES-Centro de Estudos Sociais da Universidade de Coimbra, Mar. 2013
[click to view]

MELO, Cristina J. A questão fácil dos baldios: não lhes tocar. In: AMORIM, Inês; BARCA, Stefania (org.). Propriedade e usos comunitários e sustentabilidade das economias camponesas. Olhares historiográficos. Cescontextos, n. 1, Mar. 2013, p. 21-82. Atas do I Encontro Internacional de História Ambiental Lusófona. CES-Centro de Estudos Sociais da Universidade de Coimbra, Mar. 2013.
[click to view]

BAPTISTA, Gualter, B. Bridging environmental conflicts with social metabolism. Florestry expansion and socioeconomic change. Universidade de Lisboa: Faculdade de Ciências e Tecnologia, Dissertação de Mestrado, Lisboa, Nov. 2010.
[click to view]

News Article. (2014). Salvador, João Miguel. Plataform for the Forest wants to revoke the "eucalyptus law". Visão Verde
[click to view]

Plataform for the Forest
[click to view]

Common Lands National Federation (BALADI)
[click to view]

NEW

News Article. CAMPO ABERTO. Aliança para acabar com as vagas recorrentes de fogos. Campo Aberto- Associação de Defesa do Ambiente. 20 jun. 2017.
[click to view]

NEW

News Article. GERALDES, Helena. Reforma das florestas aprovada em Conselho de Ministros. Wilder. 21 mar. 2017.
[click to view]

NEW

News Article. LUSA. Indústria papeleira considera discriminação do eucalipto inaceitável. RTP. 4 abr. 2016.
[click to view]

News Article. (2009). Correio da Manhã. Eucalipto ocupa 26% da floresta portuguesa. (Eucalyptus occupies 26% of the Portuguese forest). Correio da Manhã, Portugal
[click to view]

SERRA, R. (cord.) et al. SCRAM – Projeto: Crises, gestão de risco e novos arranjos sócio-ecológicos para florestas, Uma perspetiva dos estudos sobre Ciência e Tecnologia. CES-Centro de Estudos Sociais da Universidade de Coimbra, 2008.
[click to view]

NEW

News Article. EXPRESSO. Governo trava expansão da área de eucalipto. Expresso. 24 jan. 2016.
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

We don't eat paper!
[click to view]

Águas, Penamacor protests
[click to view]

Eucalyptus, Vila de Castanheira de Pêra-Portugal
[click to view]

Paper industry campaign
[click to view]

Environmentalists against massive eucalyptus plantation in the Portuguese forest
[click to view]

Aprovação da lei dos Baldios leva agricultores a temer pela profissão
[click to view]

Vila Real, Comissão de Baldios dá exemplo na ocupação de beneficiários RSI
[click to view]

MAIS DE 5000 AGRICULTORES EM PROTESTO CONTRA NOVAS IMPOSIÇÕES FISCAIS E "ROUBO DOS BALDIOS", Jornalista: Salomé Pinto; Imagem: Jorge Coutinho, 3 abril 2014.
[click to view]

Nova lei e Manifestação de Protesto em Lisboa (2014)
[click to view]

NEW

PAeM – Vídeo sobre os eucaliptos em Portugal
[click to view]

NEW

PAeM – Vídeo sobre os baldios em Portugal
[click to view]

Environmental groups accuse the government of supporting the destruction of Portuguese forest with new law.
[click to view]

BALDIOS EM PORTUGAL: DESAFIOS E POTENCIALIDADES PARA AS INSTITUIÇÕES E PARA AS COMUNIDADES EM TEMPOS DE CRISE

V Congreso Internacional de Agroecología y Agricultura Ecológica - Baldios em Portugal: desafios e potencialidades para as instituições e para as comunidades em tempos de crise. El lema de esta edición del Congreso es el de "Propuestas agroecológicas al industrialismo: recursos compartidos y respuestas colectivas". Dentro de las actividades del evento podremos conocer experiencias e investigaciones de interés a nivel gallego, estatal e internacional. Investigadora: Rita Serra (CES/UC), TV Universidade de Vigo.
[click to view]

Altri commenti:La coordinata GPS principale proviene dal Portogallo centrale. STRUGLES: VALPAçOS 41.614082, -7.376963 ABOBOREIRA 41.224581, -8.058879 Mértola 37.657414, -7.663875 STRUGLE COMUNE STRUGLES CHE STRUGLE CHE STRUGLES CHE STRUGLES CHE STRUGLES CHE STRUGLE COLLEGA
Meta informazioni
Collaboratore:Rita Serra, Stefania Barca and Teresa Meira
Ultima modifica25/04/2018
ID del conflitto:1634
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.