Ultima modifica:
03-08-2022

Woodside's Burrup Gas Hub minaccia l'antica sacra aborigena, Australia occidentale

Il Burrup Hub guidato da Woodside è un gigantesco progetto di gas con un enorme clima che ha provocato tag. Minaccia anche di distruggere la roccia di 50.000 anni che trasporta la cultura tradizionale ininterrotta degli aborigeni a Murujuga.



Questo modulo è stato tradotto per tua comodità utilizzando il software di traduzione fornito da Google Translate. Pertanto, potrebbe contenere errori o discrepanze. In caso di dubbi sull'accuratezza delle informazioni contenute in queste traduzioni, fare riferimento alla versione del caso all'indirizzo: Inglese (Originale)

Descrizione:

Nel 1965, il primo insediamento occidentale di Damier fu istituito a Murujuga, gestito da terra dagli aborigeni di Ngarluma dopo che i proprietari tradizionali di Yaburara furono spazzati via dai colonizzatori occidentali [1] Regione di Pilbara. Nel 1984, il primo pozzo di produzione in quello che ora è noto come Burrup Hub è stato aperto come parte del Progetto a gas sullo scaffale del Nord Ovest. Nel 1989, il primo carico di GNL è stato inviato dal terminal GNL di Karratha, il secondo più grande terminal di esportazione di GNL al mondo [2]. Nel 2005, sono iniziati ulteriori progetti di espansione con lo sviluppo di più giacimenti di gas offshore e la costruzione di PLUTO LNG, un secondo impianto di liquefazione [3]. Ora, il conglomerato aziendale guidato da Woodside vuole aumentare l'estrazione del gas con Scarborough e i progetti di gas offshore del bacino nazionale e potenzialmente aprire opportunità per un boom del fracking onshore nell'Australia occidentale [4]. Ma gli aborigeni e gli attivisti climatici resistono ai progetti.

Murujuga, noto anche come Penisola di Burrup, è il sito di una vasta collezione di oltre 1 milione di petricifi, o Dipinti rocciosi, risalenti a 50.000 anni fa a metà del XIX secolo.

Questi dipinti rocciosi sono sacri per la popolazione aborigena e costituiscono la memoria registrata dei loro antenati [5 ]. È in corso un processo di candidatura in corso per Murujuga che deve essere protetto come sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO [1]. Un recente rapporto scientifico ha confermato l'allarme originale dei popoli aborigeni sull'erosione dell'arte rocciosa a causa delle attività industriali del Burrup Hub [6]. Storicamente, lo sviluppo dell'infrastruttazione per quello che oggi è l'hub di Burrup ha distrutto, sfollati e disturbato petroglifi, tra cui fino a 5.000 pezzi di arte rocciosa distrutti per far posto allo stabilimento di gas di Karratha negli anni '80. Probabilmente fino a 15.000 petroglifi avrebbero potuto essere distrutti dalla costruzione delle strutture di stockpilazione del minerale di ferro e di esportazione negli anni '60, prima che i petroglifi fossero registrati o protetti [7].

Nelle parole di Raelene Cooper, una donna di Mardudhunera ed ex membro del consiglio della Murujuga Aboriginal Corporation: “L'industria ha rimosso e distrutto la nostra arte rocciosa in un'altra forma di genocidio culturale. Ciò ha causato la perdita dei nostri mezzi di sussistenza tradizionali, della conoscenza indigena tradizionale e della nostra relazione spirituale con la terra. C'è stato spostamento e degrado ecologico. La Ngurra, la nostra terra, è il nostro tempio e il nostro parlamento. The Rock Art Archives la nostra tradizione. È scritto non su una tavoletta di pietra ma scolpita nella Ngurra, che contiene le nostre storie e canzoni da sogno. "[8].

Woodside sta giocando un gioco di divisione e governare sulla comunità aborigena locale. Sulla base della sua collaborazione con la Mujuruga Aboriginal Corporation (MAC), l'organizzazione che gestisce il titolo nativo in rappresentanza di 5 gruppi aborigeni, afferma che lo sviluppo industriale e il patrimonio tradizionale possono coesistere. Ma l'attuale CEO della Mujuruga Aboriginal Corporation ha lavorato per Woodside dal 2013 [8]. Ciò ha portato il Mac a supportare ulteriori sviluppi del baripasto [9] mentre altri gruppi aborigeni come Save le nostre linee di song sono in attesa e combattendo per l'annullamento di nuovi progetti industriali a Mujuruga e il riconoscimento dell'eredità dei loro antenati [10 ].

Nonostante le autorità pubbliche sostenessero che "poco si sapeva sui valori del patrimonio" di Mujuruga al momento dell'industrializzazione. È ovvio che il sito ha sempre avuto una grande importanza per le popolazioni aborigene e Mujuruga era già identificato come "una grande risorsa archeologica con alto valore scientifico" in un rapporto del 1980, anni prima della costruzione dell'impianto di gas di Karratha [7]. Non si può fare a meno di chiedere se lo sviluppo del gas industriale sia stato intenzionalmente collocato a Murujuga da tutte le posizioni possibili per distruggere deliberatamente la memoria culturale aborigena locale e il legame sacro con i loro antenati. Il caso ricorda il Blow Up of Juukan Gorge di Rio Tinto del 2020, un sito con 46.000 anni di continua occupazione umana, a soli 225 km di distanza. "È quasi un caso della gola di Juukan al rallentatore" [11].

le organizzazioni climatiche e di conservazione accusano Woodside e i suoi partner aziendali di mentire sull'impatto climatico dell'impatto del clima progetto. In effetti avvertono che l'hub di burrup avrà combinato emissioni di oltre 6 GTCO2 nel corso della sua vita, o l'equivalente delle emissioni di 35 delle più grandi e sporche centrali elettriche a carbone ogni anno [4]. Per mettere in prospettiva questa enorme quantità, a partire dal 2020 solo 500 GTCO2 possono essere emesse per avere una probabilità del 50% di rimanere al di sotto di 1,5 ° C di riscaldamento nel 2100, ciò che conosciamo come budget del carbonio [12]. 0

Due sfide legali sono state avanzate dalle organizzazioni di conservazione che cercano di fermare il progetto di espansione sulle sue tracce. Nel 2020, il Consiglio di conservazione dell'Australia occidentale portò il presidente dell'Australia occidentale (WA) Ambiente Autorità per la protezione ambientale (EPA) alla Corte suprema WA per invertire le approvazioni ambientali da parte dell'agenzia [13]. Nel 2022, l'Australian Conservation Foundation (ACF) ha compilato un caso contro il reclamo che le emissioni del progetto Scarborough contribuiranno in modo significativo alle emissioni di CO2 che portano a danni irreversibili alla scogliera della grande barriera e quindi il progetto doveva essere approvato dal ministro dell'ambiente federale sotto La legge sulla protezione dell'ambiente e la biodiversità (EPBC) invece di richiedere solo l'approvazione da parte della National Offshore Petroleum Safety and Environmental Management Authority (NOPSEMA). L'amministratore delegato dell'ACF, Kelly O'Shanassy, ​​ha avvertito che "Scarborough's Gas è una bomba climatica che sta per essere fatta esplodere" [14].

Informazioni di base
Nome del conflittoWoodside's Burrup Gas Hub minaccia l'antica sacra aborigena, Australia occidentale
NazioneAustralia
Città e regionePilbara, Australia occidentale
Localizzazione del conflittoMurujuga
Accuratezza della localizzazioneAlta (livello locale)
Causa del conflitto:
Tipo di conflitto. Primo livelloEnergia (fossile, rinnovabile e giustizia climatica)
Tipo di confitto. Secondo livelloEsplorazione ed estrazione di gas e petrolio
Porti e aeroporti
Raffinazione gas e petrolio
Reti d'infrastrutture per il trasporto (strade, ferrovie, idrovidie, canali, gasdotti, oleodotti, ecc)
RisorseGas naturale
Minerali ferrosi
Nitrato di ammonio Fertilizzanti
Dettagli del progetto e attori coinvolti
Dettagli del progetto

L'hub di Burrup include diversi progetti:

Vedi altro
Area del progetto1.600
Livello degli investimenti:46.000.000.000
Tipo di popolazioneRurale
Popolazione impattata:1.341 popolazione più suscetta
Data di inizio del conflitto:01/01/1984
Imprese coinvolte (private o pubbliche)Mitsubishi Corporation from Japan - It owns an 8.3% stake through its joint venture subsidiary Japan Australia LNG (MIMI) Pty. Ltd. with Mitsui
Mitsui & Co., Ltd from Japan - It owns an 8.3% stake through its joint venture subsidiary Japan Australia LNG (MIMI) Pty. Ltd. with Mitsubishi
Kansai Electric Power Co (KEPCO) from Japan - It owns a 5% stake in the Pluto LNG terminal and has long-term sales agreements
Tokyo Gas from Japan - It owns a 5% stake in the Pluto LNG terminal and has long-term sales agreements
Woodside Energy from Australia - Operates and owns a 33% stake in the Karratha Gas Plant LNG terminal and operates and owns a 90% stake of the Pluto LNG terminal.
British Petroleum (BP) from United Kingdom - Owns a 16.6% stake in the Karratha Gas Plant LNG terminal through its subsidiary BP Developments Australia Pty Ltd.
Chevron Polska Energy Resources Sp. z o.o. from United States of America - Owns a 16.6% stake in the Karratha Gas Plant LNG terminal through its subsidiary Chevron Australia Pty Ltd.
Royal Dutch Shell (Shell) from Netherlands - Owns a 16.6% stake in the Karratha Gas Plant LNG terminal through its subsidiary Shell Australia Pty Ltd.
Global Infrastructure Partners (GIP) from United States of America - Owns a 49% stake in Pluto LNG train 2
Orica Australia (Orica) from Australia - Owns a 50% stake in the Yara Pilbara Ammonium Nitrate plant
Yara from Norway - It is the owner of the Yara Pilbara Fertiliser Plant and holds a 50% stake in the Yara Pilbara Ammonium Nitrate plant
Perdaman Industries (Chemicals & Fertilisers) from Australia - It is proposing the new urea plant
Rio Tinto (Rio Tinto ) from United Kingdom - Through its subsidiary Pilbara Iron, it owns and operates the iron ore export facilities in East Intercourse Island
Attori governativi rilevanti:- Western Australia (WA) Autorità per la protezione ambientale (EPA)
- Ministro dell'ambiente federale
Organizzazioni della società civile e le loro pagine web, se disponibili:- Salva le nostre canzoni
https://www.saveoursonglines.org/
- Di 'no a Scarborough Gas
https://saynotoscarborough.com.au
- Conservazione Consiglio dell'Australia occidentale (CCWA)
https://www.ccwa.org.au
- Australian Conservation Foundation
https://www.acf.org.au/
- Stato pulito
https://www.cleanstate.org.au/
- Extinction Rebelion Western Australia
https://xrwa.earth
- Unione dei lavoratori australiani
https://www.awu.net.au
- Unione marittima dell'Australia
https://www.mua.org.au
- Pace verde
https://www.greenpeace.org
- Friends of Australian Rock Art (Fara)
https://www.fara.com.au/
Conflitto e mobilitazione
Intensità del conflittoMedia (proteste, mobilitazione visibile)
Temporalità del conflittoResistenza preventiva (fase di precauzione)
Gruppi mobilitati:Popoli indigeni
Lavoratori industriali
Organizzazioni sociali internazionali
Organizzazioni sociali locali
Gruppi etnici/razziali discriminati
Utenti a scopo ricreativo
Forme di mobilitazione:Azioni artistico-creative (es. teatro guerilla, murales)
Elaborazione di documenti indipendenti (es. reports, dossier, note informative)
Lavoro di rete/azioni collettive
Coinvolgimento delle ONG nazionali e internazionali
Azioni legali/giudiziarie
Media-attivismo
Campagne pubbliche di informazione e denuncia
Proteste di strade/manfestazioni
Occupazioni di spazi pubblici e edifici
Boicotaggio di prodotti e aziende
Impatti del progetto
Impatti ambientaliVisibile: Perdita di biodiversità, Riscaldamento globale, Inquinamento atmosferico, Degradazione paesaggistica
Potenziale: Contaminazione delle acque di superficie e peggioramento della qualità delle acque, Fuoriuscite di petrolio
Impatti sulla saluteVisibile: Esposizione a fattori a rischio incerti o non conosciuti (es. radiazioni), Altro (specificare)
Altro (specificare)Malattie respiratorie e circolatorie legate all'inquinamento atmosferico
Impatti socio-economiciVisibile: Altro (specificare), Perdita di tradizioni/pratiche/saperi/culture
Potenziale: Aumento della violenza e della criminalità, Perdità dei mezzi di sussistenza, Espropri di terra
Altro (specificare)"Le donne indigene viaggiano alle Nazioni Unite per avvertire del" genocidio culturale "in Australia". Yahoo News Au. Michael Dahlstrom
6 luglio 2022 (19).
Risultati
Status attuale del progettoProposto (fase esplorativa)
Risultato del conflitto/risposta:Giudizio in attesa di sentenza
Temporanea sospensione del progetto
Sviluppo di proposte alternative:Ci sono proposte per perseguire un modello economico basato sul rispettoso turismo della roccia di Murujuga, che potrebbe essere rafforzato se lo status del patrimonio mondiale dell'UNESCO viene finalmente dato al sito.
Consideri questo caso una vittoria dei movimenti per la giustizia ambientale?:NO
Spiegare brevemente il motivoIl progetto ha iniziato a funzionare più di 37 anni fa con le operazioni sugli scaffali del Nord Ovest. Oggi continua con diversi progetti per espandere le operazioni al largo di Scarborough e sfogliare i campi del bacino e aprire le oporunità a terra per lo sviluppo di un'industria del fracking nell'Australia occidentale. Le organizzazioni aborigene devono ancora mobilitarsi per salvare le restanti arte rocciose e il patrimonio a Murujuga minacciati dai progetti di espansione e dalle industrie chimiche associate.
Fonti e materiali
Bibliografia di libri pubblicati, articoli universitari, film o documentari pubblicati

[6] Smith, B. W., Black, J. L., Hoerle, S., Ferland, M. A., Diffey, S. M., Neumann, J. T., & Geisler, T. (2022). The impact of industrial pollution on the rock art of Murujuga, Western Australia. Rock Art Research: The Journal of the Australian Rock Art Research Association (AURA), 39(1), 3-14.
[click to view]

[1] de Jong, E. and Morton, A. 11/05/2022. ‘Our ancestors are in the rocks’: Australian gas project threatens ancient carvings – and emissions blowout. The Guardian.
[click to view]

[2] North West Shelf Gas project website. About. Visited on 22/07/2022.
[click to view]

[3] Woodside webpage. Pluto LNG. Visited on 22/07/2022.
[click to view]

[4] Clean State and Conservation Council of Western Australia. Burrup Hub: Australia’s most

polluting fossil fuel project.
[click to view]

[5] Wahlquist, C. 27/08/2018. ‘The rocks remember’: the fight to protect Burrup peninsula's rock art. In The Guardian.
[click to view]

[7] Report chapter on Karratha local government website. Preservation and management of rock art.
[click to view]

[8] Kurmelovs, R. 06/07/2022. ‘Cultural genocide’: Australian state putting industry before heritage, Indigenous women tell UN. In The Guardian.
[click to view]

[9] Murujuga Aboriginal Corporation website. 26/11/2021. Facts about MAC and the Scarborough project (including Pluto Train 1 & 2).
[click to view]

[10] Save Our Songlines website. Visited on 22/07/2022
[click to view]

[11] Liveris, J. 29/10/2021. Fears pollution will destroy world's biggest collection of rock art 'within 100 years'. In Australia Broadcasting Corporation.
[click to view]

[12] IPCC. 2022. Assessment Report 6, Working Group III, Summary for Policymakers.
[click to view]

[13] Readfearn, G. 21/12/2020. WA court challenge launched against huge Burrup Hub gas project. In The Guardian.
[click to view]

[14] Morton, A. 22/06/2022. Conservationists in court bid to halt $16bn Scarborough gas project citing damage to barrier reef. In The Guardian.
[click to view]

[15] Woodside webpage. Scarborough and Pluto Train 2. Visited on 22/07/2022.
[click to view]

[16] Woodside webpage. North West Shelf. Visited on 22/07/2022
[click to view]

[17] Yara Pilbara website. About Yara Pilbara. Visited on 22/07/2022
[click to view]

[18] Environmental Protection Authority, Western Australia website. 24/01/2022. Perdaman Urea Project.
[click to view]

Media correlati - links a video, campagne, social networks

Powerful video on the importance of Songlines for the local aboriginal culture from Save Our Songlines
[click to view]

Save the Burrup - Save our Songlines

@SaveOurSonglines · Causa
[click to view]

Altri commenti:"Le donne indigene viaggiano alle Nazioni Unite per avvertire del" genocidio culturale "in Australia". Yahoo News Au. Michael Dahlstrom
6 luglio 2022 (19).
Meta informazioni
Ultima modifica03/08/2022
ID del conflitto:6078
Commenti
Legal notice / Aviso legal
We use cookies for statistical purposes and to improve our services. By clicking "Accept cookies" you consent to place cookies when visiting the website. For more information, and to find out how to change the configuration of cookies, please read our cookie policy. Utilizamos cookies para realizar el análisis de la navegación de los usuarios y mejorar nuestros servicios. Al pulsar "Accept cookies" consiente dichas cookies. Puede obtener más información, o bien conocer cómo cambiar la configuración, pulsando en más información.